Azioni sul documento

Blog4Home

Vai su di un livello
Un sorriso per la stampa… quello dei sedici finalisti!
La Sala Consiliare della Provincia dava un tono di grande solennità all’evento: la gradinata di legno per giornalisti ed universitari, il lungo tavolo in fondo per organizzatori e partner della manifestazione e, al centro, i sorridenti e distesi volti dei sedici finalisti.
Una legge sulla musica. L’ultimo sguardo degli audizionati
A meno di una settimana dalla conferenza che ci porterà a conoscere i nomi dei sedici finalisti, un ultima riflessione sul difficile mestiere dell’artista e su cosa volere da una legge quadro sulla musica.
Gli effetti di una bella canzone: ebbrezza, lacrime e curiosità
Cosa si prova quando le note e le parole che entrano nelle orecchie e nell’animo appartengono ad una “bella” canzone? E con quali parole si possono raccontare le reazioni e le immagini che tale ascolto è in grado di sollevare e generare nella sensibilità di chi ascolta? Nell’attesa di conoscere i nomi dei sedici finalisti, a rispondere sono ancora loro: i partecipanti alle audizioni di questa XVI edizione.
Lo spazio della creatività nel triangolo della canzone
Continua la nostra indagine fra gli animi e le sensibilità delle cinquanta proposte che hanno preso parte alle Audizioni. Questa settimana, l’attenzione ricade sul fluido intreccio di parola, musica, voce e creatività, da cui emerge e prende vita “la canzone”.
La contemplazione che dà forma al "musicare"
A una settimana dal termine delle audizioni torniamo ancora a parlare di loro e del loro modo di fare musica: gli audizionati, scomodando Plotino ed i suoi livelli di contemplazione!
Giorno 10 - Scende il sipario sulle Audizioni
Termina la fase di audizioni. Cala il sipario e si spengono le luci del Teatro Filarmonica: inizia l’attesa per i nomi dei sedici finalisti.
Giorno 9 - Bassignano a Macerata, giurato per un giorno
Alle audizioni oggi un ospite d’eccezione, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, un amico di Musicultura e del Festival: Ernesto Bassignano.
Giorno 8 – Dalle università: musica di qualità, poetica e radiofonica
Saltano le immagini a fondo pagina da una giornata all’altra di audizioni: frame che si alternano e rubano attimi di questa fase del Festival, ritraendo talvolta gli sguardi assorti e curiosi di un giovane ed attento pubblico: quello delle giurie universitarie.
Giorno 7 - La varietà che fa la differenza
Settima giornata di audizione, cinque nuovi nomi sono saliti anche oggi sul palco del Festival della canzone popolare e d’autore.
Giorno 6 – Il critico giurato
Approfitto di una pausa dopo l’esibizione dei primi tre di oggi, per raggiungere Stefano Bonagura, giornalista e critico musicale, e commentare questa sedicesima fase di audizioni. La seconda a cui partecipa in qualità di giurato.
Giorno 5 - Al via la seconda settimana di audizioni
La seconda settimana di audizioni ha inizio in un lieve assolato primo pomeriggio di gennaio.
Giorno 4 - Alla prima sosta, uno sguardo all’indietro
E la prima settimana finisce qui, venerdì 14. L'occasione sembra buona per un primo bilancio, un piccolo ritratto della situazione e delle persone che hanno popolato questi primi quattro giorni di esibizioni.
Giorno 3 - Taccuini e riflettori puntati su giurie e cantautori
Quest’oggi, appena giunti a Teatro, la prima cosa che inevitabilmente salta agli occhi è la presenza di giornalisti e telecamere, che si aggirano con fare operoso per le sale della Filarmonica.
Giorno 2 - E le giurie stanno a guardare.
Un clima molto rilassato e già quasi oramai familiare, come tipico di Musicultura, ha segnato questa seconda giornata di audizioni, o questo, almeno, è quanto appariva sui volti dei giurati!
Al primo giorno, musica ed adrenalina rompono ogni timidezza
Inizia meravigliosamente, anche se con un po’ di timidezza, questa prima giornata di audizioni. L’ambiente è nuovo per tutti ed anche per Macerata si tratta di una novità niente male, quella di ospitare le audizioni. Come con indosso il vestito della festa, bellissimo, ricco di drappi rossi e decorazioni dorate, il primo giorno è stato all’insegna del “prendere misure e confidenza” con il meraviglioso Teatro della Società Filarmonica, che da quest’anno ci ospita.