Vai ai contenuti. Spostati sulla navigazione

Musicultura

Sezioni
Tu sei qui: Portale Area Stampa I Comunicati Stampa Dieci “Migliori Interpreti” delle Audizioni Live di Musicultura vincono il "Premio Sisme"
Navigazione
Musicultura sociale

 

Dieci “Migliori Interpreti” delle Audizioni Live di Musicultura vincono il "Premio Sisme"

Azioni sul documento
A metà marzo i nomi dei 16 finalisti del concorso. Al vincitore assoluto il “Premio Ubi – Banca Popolare di Ancona” di 20.000,00 euro: 13, 14 15 giugno Arena Sferisterio di Macerata

06-03-2006

Si sono chiuse domenica 17 febbraio le Audizioni Live di Musicultura: il festival della canzone popolare e d’autore si ritira nelle sue stanze per uscirne, intorno alla metà di marzo, con l’attesissima rosa dei sedici. Sedici brani, sedici artisti da far ascoltare su Radio Uno Rai, per i quali verranno chiamati al voto il pubblico radiofonico, i lettori del Radiocorriere Tv e i componenti del Comitato artistico.
Nell’attesa però che la lista dei sedici talenti selezionati venga annunciata, le Audizioni live si chiudono con i primi riconoscimenti assegnati: il Premio Sisme al “migliore interprete” di ciascuna delle dieci serate.
La Sisme è un’azienda che distribuisce strumentazione e professionisti del settore per eventi musicali live, che è al fianco di Musicultura dal 2001, curando sia le Audizioni al Teatro Filarmonica, che le serate allo Sferisterio. Per queste audizioni live ha voluto omaggiare i migliori interpreti segnalati dalla giuria tecnica di Musicultura, con uno speciale microfono SM 58, in una edizione limitata del 40° anniversario: uno strumento professionale ai massimi livelli che Andrea Guerrantiresponsabile commerciale di Sisme, si augura sarà di buon auspicio per il futuro dei cantanti. “La cosa più bella di Musicultura –racconta Guerranti - sono le sorprese. Ragazzi senza nomi noti riescono a trasmettere grandi emozioni, ed è questo che conta nei live, quel qualcosa in più”.
Anche se la vittoria del Premio Sisme non è sinonimo di ammissione alla rosa dei sedici finalisti, per i dieci artisti che si sono aggiudicati questi primi riconoscimenti la soddisfazione è stata comunque grande.
Viola Selise & Conduzione Familiare (Roma, Rimini) si è detta “molto felice. Credo che l’interpretazione sia una peculiarità importante. Questa serata è stata per me molto difficile, cantare le mie canzoni mi emoziona sempre, per questo motivo ho accolto il premio con grande soddisfazione”
Marco Giunti (Pontassieve – Fi): “Sono contentissimo, sono sempre contento di ricevere qualunque premio o riconoscimento. Mi sono divertito, e questo per me è essenziale”.
Versoest (Roma): “È stato un premio che abbiamo voluto sin dall’anno scorso. Rispetto all’edizione precedente ho avuto la possibilità di abbandonare la chitarra, almeno per uno dei tre brani: questo mi ha facilitato, consentendomi di arrivare ad una gestualità che per alcune nostre canzoni è fondamentale. Grazie”.
Cristian Grassilli (Baricella – Bo): “Sono molto sopreso. Ero nel Backstage con i miei amici e ci stavamo abbracciando. Poi siamo tornati sul palco”.
Silvia Caracristi (Trento): “Sono felicissima. Per me il premio per la miglior interpretazione è molto importante, perché ogni volta che si ricanta una canzone in qualche modo la si riscrive e credo che quelle emozioni ridiventino nuove ad ogni esecuzione”
Greenwich (Roma): “Purtroppo ho poca voce e non amo molto parlare, ma sono davvero felice, sia perché i pezzi sono arrivati sia per il premio, un microfono davvero molto utile” ha detto Francesca Xefteris, cantante e chitarrista. Matteo Locasciulli, altro componente della band, ha confessato che probabilmente a colpire è stata “la grande intesa e l’amicizia che ci unisce”.
Nathalie (Roma): “Sono felicissima di questo premio, mi serviva proprio un microfono nuovo! Sono molto contenta e decisamente più rilassata, è stata una bellissima serata, i primi tre secondi sono sempre molto emozionanti ma soprattutto mi sono divertita. Il pubblico è stato molto caldo. Grazie a tutti!”
Carlo Pestelli (Torino): “Non me l’aspettavo. In passato avevo rubato un’asta per microfono ed ora la posso completare. E poi non ho mai vinto nulla, in questi casi lo dicono tutti ma ti assicuro che è la verità. Sono il Toto Cutugno della musica indie, sono arrivato secondo a Musicultura nel 2002 e nel ’98 a Silvimarina arrivai addirittura dietro a Simone Cristicchi, allora sconosciutissimo. Sono davvero felice!”
Tomaso Romani (Udine): “Sono onorato. Per me significa molto anche perché è un premio all’interpretazione e su questa ho lavorato molto in questo periodo. Apprezzo molto premi per la canzone o per il testo, ma il riconoscimento della mia interpretazione mi gratifica molto perché è un aspetto sul quale ho scommesso e che prima curavo un po’ meno”.
Folco Orselli (Milano): “Sono molto contento, sono stati due giorni stupendi, mi sono trovato bene con tutti. Sono molto felice di aver vinto il premio Sisme perché è il primo riconoscimento della mia vita. È un bellissimo microfono”.


GLI ALTRI PREMI - Chiusa questa prima tornata di allori, a questo punto dovremo aspettare le serate finali allo Sferisterio per vedere incoronati i giovani artisti con nuovi titoli e riconoscimenti.
Il 13, 14 e 15 giugno verranno infatti assegnati i premi per il miglior Testo, la migliore Musica e la migliore Interpretazione (di 2.500 euro ciascuno) assegnati rispettivamente dalle giurie Unimarche, Siae e Imaie, la “Targa della critica” (di 5.000 euro) in collaborazione con la Camera di Commercio, dell’Industria e dell’Artigianato di Macerata, e, al vincitore assoluto, il “Premio Ubi – Banca Popolare di Ancona”, di 20.000,00 euro.


----------------
Associazione Musicultura: www.musicultura.it - ufficiostampa@musicultura.it
Giuliano Rossetti, tel.: 338/7509108, giuliano_rossetti@virgilio.it, g.rossetti@musicultura.it
Angelica Gabrielli, tel.: 338/6023772, a.gabrielli@musicultura.it
----------------
Pb Promotion Tel.: 06.97617368
Tullia Brunetto Tel.: 335.6403452 tulliabrunetto@libero.it
Paola Pezzolla Tel: 340. 0645770 ppezzolla@hotmail.com