Navigazione
Musicultura sociale

 

Angel Josè Hevia in concerto

Azioni sul documento
L’artista asturiano si esibirà insieme a Maria Josè Hevia in un concerto-incontro in Piazza Cesare Battisti, con inizio alle ore 21.00

06-03-2006

Angel Josè Angel Hevia sarà uno dei protagonisti di questa edizione del Musicultura Festival. Oltre che ospite della seconda serata allo Sferisterio, darà vita ad uno dei numerosi appuntamenti de “La controra”. L’artista asturiano, infatti regalerà al pubblico di Macerata un più informale concerto incontro in programma giovedì 21 in piazza Cesare Battisti. L’evento che avrà inizio alle ore 21.00, sarà introdotto da Gianmaurizio Foderaro, speaker di RadioUno Rai.

Autentico virtuoso della cornamusa, Josè Angel Hevia, progetta e costruisce personalmente i suoi strumenti. Tutti i suoi lavori discografici sono infatti il frutto della pura sperimentazione musicale, in quanto pioniere di quella che poi sarebbe diventata una delle basi della sua musica: la cornamusa elettronica multitimbrica. Le sue sonorità comprendono sia arrangiamenti in chiave moderna di elementi tradizionali e popolari asturiani, sia composizioni originali. E l’operazione compiuta dall’artista, il tentativo cioè di fondere musica etnico-popolare e pop, risulta più che mai riuscita.

L’esibizione che regalerà nella serata di giovedì 21, sarà il risultato di tutto questo: una cornamusa suonata come una chitarra elettrica, ed il supporto di una musicista di gran talento, Maria Josè Hevia, sua sorella che lo ha sempre accompagnato con il tamburino.
Musica senza tempo, quella dei due fratelli, in cui le radici ancestrali si protendono verso le sfavillanti manifestazioni della modernità. Una colonna sonora di un popolo che vive sulle pendici di una montagna, che ha regalato all’artista tantissimi apprezzamenti.
Hevia oggi, con tre album all’attivo, e riconoscimenti in oltre quaranta paesi dall’Italia alla Danimarca, dal Belgio alla Nuova Zelanda, sta lavorando al suo nuovo dal titolo “Obsessiòn”, che uscirà in Spagna a metà settembre.
Il Musicultura Festival, felice di ospire un’artista di questo calibro, rimanda l’appuntamento con le sue note a giovedì 21 giugno in Piazza Cesare Battisti.