Vai ai contenuti. Spostati sulla navigazione

Musicultura

Sezioni
Tu sei qui: Portale Area Stampa I Comunicati Stampa Nuovi nomi tra gli ospiti della XIX edizione di Musicultura: Le Vibrazioni, Peppino Di Capri e José Luis Cortés
Navigazione
Musicultura sociale

 

Nuovi nomi tra gli ospiti della XIX edizione di Musicultura: Le Vibrazioni, Peppino Di Capri e José Luis Cortés

Azioni sul documento
Si fa ancora più calda la lista degli ospiti del festival

06-03-2006

MUSICULTURA

Arena Sferisterio: 13, 14 e 15 giugno 2008

NUOVI NOMI TRA GLI OSPITI
DELLA XIX EDIZIONE DI MUSICULTURA:

LE VIBRAZIONI, PEPPINO DI CAPRI
E JOSÉ LUIS CORTÉS

 

Si fa ancora più calda la lista degli ospiti del festival
e si condisce di sonorità cubane
con un evento gratuito il 12 giugno 2008
in piazza Mazzini a Macerata

MACERATA – Altre grandi personalità della musica italiana e internazionale continuano ad essere annunciate per questa XIX edizione di Musicultura in scena all’Arena Sferisterio di Macerata nelle serate finali del 13, 14 e 15 giugno: si aggiungono al programma Le Vibrazioni, Peppino Di Capri e José Luis Cortés y NG la Banda.

Mentre 8 vincitori si batteranno per il titolo di vincitore assoluto del concorso e l’assegnazione del “Premio Ubi Banca Popolare di Ancona” di 20.000,00 euro, grandi ospiti allieteranno il pubblico con le loro performance nelle serate finali allo Sferisterio e non solo.

Se nelle prime due serate finali, 13 e 14 giugno, sono previste delle sonorità rockeggianti con la presenza di Irene Grandi e di gruppi quali Baustelle e Marlene Kuntz, il 15 giugno saranno Le Vibrazioni, a far “vibrare” le corde delle loro chitarre e le emozioni del pubblico.          
Anche il cantautorato italiano tradizionale avrà però dei grandi rappresentanti con Enzo Jannacci sabato 14 e con Peppino di Capri, domenica 15.     
Nei tre giorni, musica e poesia saranno poi interpretate da Mariangela Gualtieri, veicolate dalle sonorità elettroniche dei La Crus, dalle lettere dal fronte del Coro di Monte Peralba sul palco con gli attori del Teatro dei Pazzi e dai versi Mariano Deidda. Il jazz avrà il suo momento venerdì sera con Stefano Bollani, mentre per gli amanti della musica folk e blues sarà imperdibile l’appuntamento con Odetta.

Come ogni anno Musicultura darà poi vita anche a tanti eventi collaterali ad ingresso gratuito.

È il caso della formazione cubana di José Luis Cortés y NG la Banda, ovvero il padre della “Timba”, un genere che mescola salsa, jazz e pop con testi profondi e che si avvicinano al linguaggio popolare. Dopo aver preso parte ai Festival musicali più prestigiosi in differenti paesi del mondo, José Luis Cortés approda alla XIX edizione di Musicultura con un doppio appuntamento. La sua presenza è prevista sia per la sera del 12 giugno con un concerto gratuito in piazza Mazzini, che alle serata del 13 giugno nell’affascinante arena maceratese, dove il grande maestro cubano metterà in scena, insieme alla sua orchestra, un originale omaggio alla musica italiana attraverso il calore e il battito delle sonorità caraibiche.

VENDITA DEI BIGLIETTI
Prosegue intanto la corsa ai biglietti, sempre più accelerata con l’arrivo dei primi nomi nel cast. I costi dei biglietti sono: la poltronissima 30 euro, la centralissima 25 euro, il settore centrale 20 euro, il settore A 10 euro, il settore B 5 euro (esclusi i diritti di prevendita). I biglietti possono essere acquistati on line su Vivaticket, www.vivaticket.it, e su MyMarca, www.mymarca.it.

Per informazioni: 0733.408173, info.biglietteria@musicultura.it   
Per aggiornamenti sul programma delle serate: www.musicultura.it

INFORMAZIONI SUGLI ARTISTI

 

Le Vibrazioni – Sempre sull’onda del successo, l’impegnata band milanese formata da Francesco Sàrcina (voce, chitarra), Stefano Verderi (chitarra), Marco Castellani (basso), Alessandro Deidda (batteria), ha prodotto quest’anno, oltre la colonna sonora del film firmato da Sergio Rubini Colpo d’Occhio, un doppio cd e un dvd contenente i propri pezzi in versione live. Il pop-rock suonato da Le Vibrazioni ha conquistato sin dall’esordio del primo album omonimo diversi riconoscimenti tra cui disco di platino per il primo singolo, 2 Italian Music Awards come Miglior Rivelazione e Miglior Gruppo, 3 nomination come Miglior Album, Miglior Tour e Miglior Video. Anche con l’uscita dei dischi successivi Le Vibrazioni continuano a conquistare grandi premi come disco d’oro e disco di platino. Ma il gruppo non ferma il proprio interesse all’ambito musicale: nel 2005 pubblica un libro che raccoglie racconti firmati da tutti i componenti della band e in più scende in campo per alcuni importanti temi sociali come la lotta all’abbandono estivo dei cani e l’apertura di un pozzo in Africa.

Peppino di Capri – Personaggio storico della canzone italiana, Peppino di Capri ha iniziato a incidere dischi già all’età di 18 anni riuscendo subito ad ottenere grandi successi. Influenzato dalle canzoni americane degli anni ’50, i suoi brani diventano hits sempre in testa alle classifiche dell’epoca e non solo; nonostante siano passati parecchi anni, alcuni suoi lavori permangono nel repertorio italiano delle canzoni d’autore e sono immancabili nei piano-bar. Molte partecipazioni a Sanremo hanno segnato la sua carriera; una carriera sempre in movimento poiché questo artista continua a pubblicare nuovi album che, oltre a raccogliere i suoi più grandi successi, contengono nuove canzoni inedite. Spesso in tournè nelle più belle piazze d’Italia e ospite dei programmi televisivi nazionali, Peppino di Capri non smette mai di affascinare il pubblico con la sua voce.

José Luis Cortés y NG la Banda – Sul finire degli anni '80 il compositore, flautista e direttore musicale José Luis "El Tosco" Cortés, dopo aver suonato con Irakere ed aver transitato per un breve periodo nei Los Van Van, forma il nuovo gruppo "NG (Nueva Generación) la Banda", con cui sperimenta nuove sonorità. Come "El Tosco" anche molti altri componenti di NG vengono da precedenti esperienze musicali nel campo jazzistico e l'influenza di questo genere permea molta della produzione del gruppo. Valenti musicisti jazz, provenienti anche loro da Irakere, compongono l'agile e aggressiva sezione fiati di NG, originariamente costituita da due trombe e due sax e nota come "Los metales del terrór". Questa formazione crea un suono nuovo e vigoroso, che mescola salsa, jazz e pop con testi profondi e che si avvicinano al linguaggio popolare. Da questa miscela dal timbro musicale unico nasce la Timba, di cui José Luis Cortés è considerato il padre. Il gruppo ha influenzato più di una generazione di musicisti e di formazioni musicali cubane e ha suonato sui palchi più prestigiosi del mondo.