Vai ai contenuti. Spostati sulla navigazione

Musicultura

Sezioni
Tu sei qui: Portale Area Stampa I Comunicati Stampa Audizioni Live di Musicultura 2010. Il Secondo week end conferma lo Stile Musicultura
Navigazione
Musicultura sociale

 

Audizioni Live di Musicultura 2010. Il Secondo week end conferma lo Stile Musicultura

Azioni sul documento

30-01-2010

Stasera il secondo week end delle Audizioni Live di Musicultura si chiude, per ripartire giovedì prossimo, 4 febbraio, per l’ultimo lungo fine settimana dedicato alla musica d’autore. Stasera sul palco del teatro della Filarmonico Drammatica di Macerata saliranno altri cinque artisti, che proporranno tre brani live e uno spaccato sulla propria carriera e sulle proprie aspirazioni, davanti al numeroso pubblico, che accede gratuitamente agli spettacoli, e alla commissione d’ascolto, guidata dal direttore artistico Piero Cesanelli e dal vicepresidente di Musicultura Ezio Nannipieri. Claudia Angelucci, giovane cantautrice romana, già lo scorso anno tra i cinquanta finalisti di Musicultura. Poi i Canemorto da Scarperia, in provincia di Firenze, un progetto di Antonio Nardi, al quale collaborano Leopoldo Giachetti e Martino Mugnai. Da Vignola, in provincia di Modena arrivano invece gli Humus, con il loro folk fortemente influenzato da contaminazioni che va dall’etnico, al pop, al jazz e i testi a cui hanno collaborato il Premio Strega 2009 Tiziano Scarpa e il grande biblista e linguista Paolo De Benedetti. Poi I Musicanti del Vento, la realizzazione del sogno di cinque ragazzi della provincia di Cosenza, intenti a miscelare sonorità etniche, influenzate da sfumature rock, ska e reggae, con testi prettamente cantautorali. E infine Teresa Capuano, in arte Katres, catanese cresciuta a Napoli personalità, che fonde passione ed eleganza in testi e musica, raccontando spesso l’universo femminile con grande ironia e romanticismo. Si conferma dunque, ancora una volta la cifra inclusiva di Musicultura, che riesce a mostrare una capacità migratoria unica nel panorama delle rassegne musicali, riuscendo a spaziare tra i diversi generi musicali. E’ questo lo “Stile Musicultura”, quella capacità di fondere sonorità diverse, linguaggi eterogenei, provenienze disparate, che hanno come stella polare la capacità di essere canzone e musica d’autore. Anche in questo week end lo “stile Musicultura” si è confermato nel mood dei “Mocambo swing”, con la loro miscela di parole e linea melodica jazz, tanto da conquistare pubblico e critica, che ha assegnato loro il premio Sisme, per l’interpretazione più originale. “Avete aperto una finestra su un mondo ricco”, ha detto loro il vicepresidente di Musicultura Ezio Nannipieri, che ha assistito insieme alla commissione d’ascolto “ad una interpretazione emozionante, in cui la bravura musicale è stata affiancata da una elasticità mentale notevole”. “Siamo contenti di questo riconoscimento, non ce lo aspettavamo, indica che il nostro stile è stato apprezzato dalla giuria e dal pubblico come volevamo”, hanno detto al momento della consegna del premio da parte di Concia Arria Lucente, responsabile letteraria del Musicultura festival, i cinque Mocambo Swing arrivati a Macerata dal profondo nord est. Ma stile Musicultura è stato anche il teatro canzone dei due Formazione Minima, o nel blues sarcastico dell’artista poliedrico Francesco Villani, bluesman di Ascoli Piceno, capace di raggiunge in modo diretto il pubblico con i suoi testi crudi, adagiati sul sound della sua band. Siamo comunque alla stretta finale. Ancora questa sera, poi il prossimo week end e al termine delle audizioni, verranno proclamati i 16 finalisti del concorso, i cui brani, inseriti nel cd compilation di Musicultura, verranno programmati da Radio Uno Rai e sottoposti al vaglio del Comitato Artistico di Garanzia, composto da Claudio Baglioni, Edoardo Bennato, Luca Carboni, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Lucio Dalla, Teresa De Sio, Tiziano Ferro, Giorgia, Dacia Maraini, Gino Paoli, Vasco Rossi, Teresa Salgueiro, Michele Serra, Daniele Silvestri, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Sandro Veronesi, Antonello Venditti. Da questi scaturiranno gli otto finalisti che si esibiranno sul palco dell’Arena Sferisterio di Macerata. Si ripartirà dunque giovedi 4 febbraio, con l’ultimo lungo fine settimana dedicato alle Audizioni live, che termineranno domenica 7 febbraio con il concerto di Ernesto Bassignano, che Musicultura propone in anteprima nazionale in occasione dell’uscita del suo ultimo disco “Aldilàdelmare”, a vent’anni dall’ultimo album “La luna e i falò”.