Vai ai contenuti. Spostati sulla navigazione

Musicultura

Sezioni
Tu sei qui: Portale Area Stampa I Comunicati Stampa Audizioni Live di Musicultura 2010. Sul palco il marchigiano Francesco Villani, cantautore di Ascoli Piceno.
Navigazione
Musicultura sociale

 

Audizioni Live di Musicultura 2010. Sul palco il marchigiano Francesco Villani, cantautore di Ascoli Piceno.

Azioni sul documento

30-01-2010

Le Audizioni Live di Musicultura sono entrate subito nel vivo del concorso ieri (giovedì 28 gennaio 2010) al teatro della Filarmonica, dove è ripartita la carovana per i nuovi e ricercati sentieri della canzone d’autore. Una carovana che riesce a fondere perfettamente l’etno-folk e il teatro canzone, la dolce e calda voce femminile con il rock elettronico, come è successo ieri sera davanti al pubblico che ha gremito ancora una volta la sala, e alla commissione d’ascolto di Musicultura, presieduta dal direttore artistico Piero Cesanelli e composta, tra gli altri, dagli studenti delle università di Macerata e Camerino. Oggi sarà la volta del secondo round di questo secondo weekend. E soprattutto, sarà la volta del primo marchigiano in gara. Si tratta di Francesco Villani di Ascoli Piceno, una vecchia conoscenza di Musicultura, vista la sua partecipazione nell’anno 1992 e 1993, dove si è piazzato fra i 36 candidati alla rassegna finale, con i brani Tutti i sogni e Domini e Dio. Attualmente Villani suona con la Marche Big Band di Ascoli Piceno e collabora con la Blue’s Big Band , anch’essa di Ascoli. Anche per i Caraserena, i due fratelli romani, Filippo e Vanni Trentalance, quello di questa sera sarà un ritorno sul palco di Musicultura, dopo la partecipazione del 2005, che è valsa loro il riconoscimento Siae per la miglior musica. Nel frattempo, il duo romano ha pubblicato il disco d’esordio “Ricordarsi di annaffiare” e partecipato a numerosi festival della canzone d’autore. La capacità migratoria di Musicultura non ha fine, ed ecco che dopo il lieve cantautorato, sul palco della Filarmonica saliranno Matteo Sgobino, Alan Malusà Magno, Francesco Socal, Flavio Davanzo e Alessandro Turchet, i cinque jazzisti del Mocambo Swing, provenienti dal profondo nord est, Venezia, Trieste, Pordenone e Udine. Negli anni si sono esibiti in Francia, Austria, Slovenia, Croazia, Inghilterra e nei paesi balcanici lasciando contaminare gli studi classici e jazzistici con la musica popolare di questi luoghi. Di tutt’altro genere il biglietto da visita del cantautore rock blues Francesco Spaggiari, “musicante per tradizione artigianale, edonista, meticcio romano-romagnolo”, al suo esordio discografico con “Hotel Balima”. Sempre dalla capitale arriva invece Giulia Tripoti, per il secondo anno consecutivo alle Audizioni Live di Musicultura. Amante delle alchimie musicali, Giulia ha disegnato il suo percorso musicale come il viaggio di un’autostoppista della canzone d’autore, sempre a bordo di diversi percorsi musicali, con i suoi versi scritti insieme al padre, e la sua voce. La formula delle Audizioni Live è diventata ormai un classico, e ha fatto diventare un evento quella che era una semplice selezione, un passaggio obbligato di un concorso che ha il suo clou nella tre giorni di Musicultura. Un evento, che fonde in un unico contenitore, le emozioni della musica, il pathos dell’esibizione di fronte alla giuria, e le storie di ogni artista o gruppo che si ritrova nel piccolo teatro della Filarmonico Drammatica con il sogno in tasca di potersi esibire in un palcoscenico d’eccezione come lo Sferisterio. Tre brani, rigorosamente dal vivo, per ogni artista, e poi il fuoco di fila delle domande della commissione d’ascolto, di cui sono ormai parte gli studenti degli atenei di Macerata e Camerino, al sesto anno di partecipazione alle dinamiche del concorso. Il tutto in diretta web sul sito www.arcoiris.tv, che segue on line tutte le fasi preliminari del concorso. Al termine delle audizioni, Musicultura proclamerà i 16 finalisti del concorso. I loro brani, inseriti nel cd compilation di Musicultura, verranno programmati da Radio Uno Rai e sottoposti al vaglio del Comitato Artistico di Garanzia, composto da Claudio Baglioni, Edoardo Bennato, Luca Carboni, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Lucio Dalla, Teresa De Sio, Tiziano Ferro, Giorgia, Dacia Maraini, Gino Paoli, Vasco Rossi, Teresa Salgueiro, Michele Serra, Daniele Silvestri, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Sandro Veronesi, Antonello Venditti. Saranno otto i vincitori che si esibiranno sul palco dell’Arena Sferisterio di Macerata nel corso delle serate finali del festival, il 18, 19, 20 giugno 2010. Da questi scaturirà il vincitore assoluto a cui andranno i 20.000,00 euro del Premio Banca Popolare di Ancona. In attesa delle serate finali, sabato 30 gennaio sarà la volta dei romani Bahbohmah, di Melissa Ciaramella, anch’essa dalla capitale, come Antonio Diodato, poi Ciccio Zabini da Bologna e Fabrizio Zanotti da Ivrea, mentre domenica 31 gennaio si esibiranno sul palco della Filarmonico Drammatica Claudia Angelucci da Roma, Canemorto da Scarperia, in provincia di Firenze, Humus da Vignola, in provincia di Modena, I Musicanti Del Vento, da Cosenza, e dei napoletani Katres. Si ripartirà poi giovedi 4 febbraio, con l’ultimo week end dedicato alle Audizioni live, che termineranno domenica 7 febbraio con il concerto di Enrico Bassignano, che Musicultura propone in anteprima nazionale in occasione dell’uscita del suo ultimo disco “Aldilàdelmare”, a vent’anni dall’ultimo album “La luna e i falò”.