Navigazione
Musicultura sociale

 

Serata conclusiva del Musicultura Festival

Azioni sul documento

06-03-2006

Si conclude stasera 25 giugno la tre giorni del Musicultura Festival, la rassegna di musica e cultura dedicata alla canzone popolare e d’autore.

In corsa per aggiudicarsi i 20 mila euro di Premio Assoluto ci sono Giuseppe Anastasi (Palermo), Davide De Gregorio (Perugia), a cui è già stata assegnata la targa IMAIE per la migliore interpretazione del valore di 2 mila e 500 Euro, gli Antiquasaxa (Salerno), Marco Fontana (Firenze).

Premiati anche due esclusi: Gianluca Massaroni (Voghera), che ha ricevuto la targa Unimarche per il miglior testo e i Fabrika con la targa SIAE per la migliore musica.

La targa della Critica è stata assegnata a Gianluca Massaroni.

Numerosi gli artisti che hanno calcato la scena e regalato momenti indimenticabili, a partire da Claudio Baglioni la prima sera, che ha catalizzato la platea con pezzi di Umberto Bindi, De Andrè, Gaber, Morricone perché – ha premesso - “le ultime canzoni veramente italiane sono state scritte negli anni ’60, prima che la musica diventasse globalizzata”.

Incursione non prevista di Dolcenera, che con Baglioni ha proposto una versione urlata di “Tu si na cosa grande”, e Maria Grazia Cucinotta con un omaggio al compianto Massimo Troisi.

E come non ricordare il fuori programma del poeta cinese Duo Duo che – dopo aver enunciato le sue poesie con il “collega” Mang Ke (sono i due più grandi innovatori della poesia contemporanea in Cina) - ha intonato con voce tenorile un italianissimo “O’ sole mio”.

Oppure l’esibizione di Simone Cristicchi, che da vincitore del concorso lo scorso anno si è ripresentato in questa edizione nella veste di ospite, con uno stralcio del suo spettacolo “Centro d’igiene mentale”, in una commistione tra musica e teatro conclusasi con l’introduzione di “Io e te, Maria” di Piero Ciampi terminata da Nada.

Il palco dello Sferisterio ha ospitato anche Carmen Consoli con i Lautari, una grandissima  Fiorella Mannoia accompagnata soltanto dal pianoforte, Ron con Simona Bencini e Nair, Amedeo Minghi che, tra l’altro, ha presentato il suo libro “L’ascolteranno gli Americani”, Daniele Silvestri, la partenopea Pietra Montecorvino in una personalissima versione dei classici napoletani, Roberto Kunstler, Clem Sacco, i Funk Off con Charlie Wood e i versi sofferti e sensuali di Patrizia Valduga.

Grande attesa stasera per la performance di Lucio Dalla che si esibirà in versione cameristica con il Nu-Ork Quintet, ma anche per ascoltare per la prima volta in Italia i Mongolian State Morin Khuur Esemble – l’Orchestra di stato mongola con un organico di 30 musicisti – piuttosto che Ennio Rega e Flavio Bucci, in una commistione tra musica e la poesia di Pessoa, Mario Venuti e Niccolò Fabi, per concludere poi con i poeti degli Oscar: Maurizio Cucchi, Luciano Erba, Vivian Lamarque, Maria Luisa Spaziani, Valentino Zeichen.

Nota a parte per i Quintorigo che anticipano la loro performance nel pomeriggio con la presentazione ufficiale del video “Il Cannone”, titolo omonimo del singolo e del loro ultimo album.

Presentatori delle tre serate Enzo De Caro e Vira Carbone, con finestre giornalistiche curate da Carlotta Tedeschi.

Dalla postazione di Radio 1 Rai ha commentato lo spettacolo Gianmaurizio Foderaro.

La regia teatrale è  firmata da Pepi Morgia, mentre alla regia televisiva ricordiamo Pino Leoni e Giorgio Verdelli in qualità di autore in collaborazione con Musicultura.

Rai Due dedicherà all’evento due special di 70 minuti ciascuno, in onda entro la fine di luglio in seconda serata. Rai Sat Extra diffonderà le tre serate sabato 24, domenica 25 e lunedì 26 giugno in prime time. Radio 1 Rai, consolidato partner ufficiale del festival, seguirà la manifestazione con ampie dirette e servizi, sarà presente anche Rai International con “Il Notturno Italiano”.


I CREDITI

Il Musicultura Festival vive grazie al sostegno del Comune di Macerata, della Regione Marche, della Provincia di Macerata, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Ad essi si affianca quest’anno, in qualità di project partner, la Banca Popolare di Ancona del gruppo BPU. Altri fondamentali sostenitori, che in misura diversa permettono la realizzazione della manifestazione e del concorso sono l’Imaie, la Camera di Commercio di Macerata, la Fondazione Carima, la Siae.

Fa piacere inoltre ricordare la proficua e articolata collaborazione con le Università degli Studi di Camerino e di Macerata, i cui studenti sono attivamente coinvolti nell’iter annuale della manifestazione. Sul fronte tecnico, confermato il sostegno di ABC Srl di Massimo Ferranti, e di Sisme.